Senza categoria

Domani non lo so

Odio i film strappalacrime.

Non li guardo, li evito come la peste, non apprezzo le sensazioni che mi risvegliano le lacrime, totalmente avulsa al concetto di “un bel pianto liberatorio”.

Sarà che negli ultimi anni, le lacrime di dolore hanno spazzato via quelle di gioia, ma piangere per me è una schifezza. Mentre piango mi sento umida, sciatta e debole.

Preferisco cantare.
O ridere.
O correre.
Anche urlare.

Piangere no. Il pianto mi fa sentire esposta, fragile, una vittima della situazione e io non lo sono. Io non sono una vittima, sono una che affronta le situazioni a testa alta e pugni stretti. Io non mollo mai.

Stasera, invece, ho guardato lo stesso film per due volte di fila. Forse un errore di programmazione della rete, non lo so. Fatto sta che l’ho visto e rivisto piangendo senza sosta, con una sensazione di disgusto verso me stessa. A che serve crogiolarsi nelle lacrime e nel dolore? Mentre lo guardavo, Ariel, addormentata, mi stringeva forte a sé.

Guardavo i ragazzi soffrire e pensavo che anche Ariel soffre, pur se in maniera diversa.

Vedevo morire il protagonista lentamente, aggrappato alla vita fino all’ultimo istante, e facevo un elenco delle cose si è perso e che Ariel perderà, anche se per ragioni diverse.

Cercavo di capire il senso della vita e poi… Il ricordo di un abbraccio.

Avevo sedici quando accompagnai mio padre al C.R.O. di Aviano a portare alcuni fondi raccolti con la Lucciolata paesana ed era la prima volta che entravo in un reparto oncologico. Una signora dolcissima, la testa avvolta in un foulard rosa perfettamente abbinato alla vestaglia, mi si avvicinò e mi chiese se mi poteva abbracciare. Probabilmente le feci tenerezza: una ragazzina smarrita, per la prima volta a contatto con la Vita. Sì, con la Vita! In un reparto oncologico ogni cosa trasuda Vita: voglia di vivere, amore per la vita, lotta per abbracciare ancora un’ultima volta i propri figli, genitori, fratelli. La morte è solo un istante del percorso.
Timidamente le ho detto di sì. Chi mi conosce fin dall’infanzia sa che allora ero molto timida e riservata.
L’incoerenza della Vita: una sconosciuta, malata terminale, consolava me e la mia adolescente inadeguatezza.

Stanotte ripenso a lei e al suo sorriso forte nonostante la malattia.

Stanotte cerco risposte sul senso della mia presenza in questo mondo.

Penso a quello che ho: un marito, due figli che adoro, un cucciolo che mi rallegra i giorni e mi consola durante le notti, una famiglia di origine che mi ama e mi aiuta, tanti amici, una casa, un’auto, le vacanze, la pioggia, la neve, la luna e le stelle, il sole, la montagna, il mare, la collina con i vigneti tinti di rosso autunnale. E ancora: il Natale, gli abbracci, i compleanni dei bambini, le gite con le mamme, le riunioni a scuola, la Nutella sulla Nastrina calda, le caldarroste passate da una mano all’altra perché scottano troppo, l’alba e il tramonto, la sensazione di perdersi nella nebbia e la sabbia che scotta sotto i piedi, il sollievo di togliere gli scarponi dopo una camminata e lo strudel al rifugio, lo stupore di Davide sul tetto del Duomo di Milano, la risata di Ariel…

Ecco il senso della mia vita forse è questo: amare tanto, imparare ad apprezzare me stessa, difetti compresi, e dare il giusto valore a ciò che ho, senza pensare a ciò che avrebbe potuto essere.

Questo è ciò che credo, almeno per stanotte.

Domani non lo so.

Senza categoria

Il mondo gira

Gira, il mondo gira.

Chiudo gli occhi, sperando in un fermoimmagine.

Il nero oscilla tra lampi dorati.
Le tempie pulsano, mentre fotografie seppia si affastellano, tra lampi di dolore. Ricordi di te, di quello che eri, sogni di ciò che sarebbe potuto essere.

Le tue urla, mi straziano l’anima.
Vorrei aiutarti, vorrei capire cosa succede dentro di te, ma ora, in questo momento, sono stremata dal mio dolore.

Cerco di rialzarmi, di calmarti, di capire l’involuzione di questo periodo. Non c’è mai nulla di definitivo con te: ogni traguardo raggiunto deve essere costantemente ripetuto nel tempo, ogni obiettivo acquisito è fragile, come una di quelle foglie secche che iniziano a riempire il vialetto. Hanno resistito e lottato a lungo, ma il vento è più forte.

Ti abbraccio.

Mi abbracci.

Siamo dolore.

Siamo consolazione.

Siamo amore.

IMG_20191103_145615.jpg

Senza categoria

Cos’è la normalità?

Potrei ammorbarvi con una fredda definizioni da vocabolario Garzanti, ma preferisco venire subito al sodo (avrete comunque modo di annoiarvi continuando a leggere): per me la normalità è il modo in cui ognuno di noi vive il proprio quotidiano, anche il più divergente. L’essere umano è estremamente resiliente e si adatta a tutto, anche alla la vita con una figlia disabile grave.

Per me è naturale vedere le manine di Ariel muoversi velocemente o sbrigare le faccende di casa con il sottofondo stereotipato del suo eccitato “Aaah… Aaah…”, guidare per ore ed ore per portare Ariel ad abilitazione, parlando di geopolitica con Davide.
Tutti noi abbiamo imparato a conoscere i diversi suoni emessi da Ariel a capire, se sono richieste, allarmi di pericolo o di dolore o stereotipie vocali. Negli anni abbiamo adottato strategie per affrontare anche i momenti più difficili: Luca riesce a dormire anche durante le notti più selvatiche della famigerata autistica mannara, Davide ha imparato a isolarsi mentre studia; Baloo sa riconoscere le diverse scansioni temporali che usiamo con Ariel: il timer e il conto alla rovescia 3-2-1 non lo eccitano, ma sa che quando facciamo il conto alla rovescia partendo da 10, è arrivato il momento del gioco e inizia ad abbaiare festoso.

A volte, però, alcuni episodi crepano il sottile strato di make-up con cui ho coperto dolore e fatica: è un maquillage fatto di sorrisi e battute, di tenacia e resilienza, a volte di aggressività, molto spesso di ottimismo, una pellicola opaca di illusioni che mi regalo per soffrire di meno.

La maschera si incrina vedendo gli occhi di un conoscente riempirsi di lacrime, mentre scopre la voglia di comunicare di Ariel e la sua impossibilità di parlare: le manine che si muovono veloci, la testa che annuisce rapida, il corpo in movimento, come se tutto il suo essere volesse compensare in qualche modo l’assenza del linguaggio.
Il cuore si frantuma quando, impotente, la vedo soffrire: ieri sera si è addormentata abbracciando il cuscino, gli occhi lucidi e stremata dalla fatica di un dolore nascosto che non può comunicare. L’ho abbracciata forte, lei mi ha preso la mano e me la stretta forte, portandola vicino al suo cuore che batteva fortissimo. Mentre dormiva le ho sussurrato: ”Mi dispiace tanto, nessuno merita di soffrire così tanto.”

Ariel, però, non ha bisogno di tristezza, ma di forza, coraggio e determinazione e allegria. Così stamattina ha rifatto il make-up alla vita e, sorridendo, ho iniziato una nuova giornata.

P.S.: nell’arco degli ultimi tre anni ho dato fondo a tutte le mie scorte di diplomazia. In questi giorni mi sorprendo a dire tutto quello che penso senza molti filtri sociali e devo ammettere che il vaffanculo, detto con il sorriso sulle labbra, ha un fragrante effetto terapeutico.

Senza categoria

Il recidivo

“Mamma su alcune signore la crema antirughe non funziona bene…”

Stiamo guardando la televisione seduti vicini vicini sul divano, quando passano l’ennesimo spot di una crema antirughe.
Dallo scorso anno le creme antiage sono un argomento tabù, tra Davide e la sottoscritta (vedi articolo ”Le gioie della maternità”)  Lo guardo con la coda dell’occhio, mentre lui fa altrettanto. Occhio ceruleo studia occhio nero.

Fingo indifferenza, sperando di estinguere sul nascere un dialogo che potrebbe degenerare in un comportamento problema genitoriale d’annata, ma niente, insiste…

“Alcune signore…”
“Davide, anche gli uomini mettono le creme antirughe…” Ecchecavolo, uomini, avete voluto la parità cosmetica e mo’ condividiamo onta e disonore!
“Ah, okkei, pensavo fosse una cosa da femmine.. ” Cucciolo, divide ancora il mondo in maschi e femmine! 😍 “Alcune persone forse le mettono male, non si vedono risultati… Secondo me non funzionano…”
“Non puoi saperlo… Non puoi sapere come sarei senza la crema che metto da decen… Da qualche tempo… Magari sarei rugosa come uno Sharpei…”
“Mamma, mammuzzolina, quanto sei birichina… Lo sai che sembri uno Sharpei…”

No, per fortuna me lo sono solo immaginata! In realtà ha detto: “Mamma, mammuzzolina, quanto sei birichina… Lo sai che sei bellissima anche se sei di media età…” ‘azz… Stava andando così bene prima di quell’inutile precisazione anagrafica! “No, mamma, non funzionano. Se, però, funzionano e poi le persone vanno a Guess My Age è un po’ un imbroglio.”

… De novo… Caro il mio amato recidivo dall’occhio cinese, è un diritto di tutti cospargersi di creme antirughe, anticellulite, antismagliature, rassodanti, sieri e fanghi, fare la sabbiature e mettersi i pantaloni pirata sotto i jeans sperando di dimagrire senza faticare: la giovinezza e la bellezza sono effimere e l’attività fisica è la nemesi di chi assurge la Nutella a filosofia di vita.
Quindi, più creme per tutti, soprattutto se spalmabili su una Nastrina calda.

Come? Volete sapere cosa ho realment e risposto a Davide? Niente, ovviamente: per fortuna è suonato il timer e gli ho rifilato la lasagna. Per ora sono salva, fino alla prossima pubblicità e speriamo che non sia quella dei Durex!

IMG_20190926_224359.jpg

Senza categoria

ABA per negati

Ariel sta risentendo molto dell’assenza di routine consolidate e avendo solo pochi interessi ristretti, tormenta chiunque le passi vicino affinché la spinga sull’altalena. Sì, lo so, per il suo compleanno vi avevo fatto vedere Ariel mentre si dondola da sola, lo sa fare, ma preferisce che qualcuno lo faccia per lei. Non lo so se è desiderio di stare in compagnia o semplice pigrizia, certo è che vuole qualcuno con lei. In alternativa esce in giardino e inizia a gironzolare senza meta e costrutto finché non la richiamo in casa o esco con lei. Potrei intervenire e strutturarle il tempo, ma ritengo importante che lei impari a gestirsi e organizzarsi il tempo libero e se vuole vagolare, lo faccia pure: io stessa ho bisogno di staccare la spina e perché per lei dovrebbe essere diverso?

Luca ieri aveva il turno notturno e aveva bisogno di dormire un po’. Ovviamente la Princess non era d’accordo con i suoi progetti e ha cominciato a fare cagnara entrando e uscendo dalla camera, ululando (giuro, quando vuole esprimere disappunto, ulula… Troppo “Masha e orso”, temo!) e tirandomi per uscire. Al mio diniego, ha capito che doveva portare la striscia frase (*).

IO VOGLIO ALTALENA

“OK, Ariel, andiamo sull’altalena, ma per 10 minuti, perché la mamma deve sbrigare le faccende di casa.”

Ho attivato il timer e siamo uscite. Al suono metallico del timer, ha iniziato nuovamente ad ululare.
Io, come da prassi, l’ho ignorata e, mentre la spingevo, ho iniziato a contare alla rovescia, segnale che l’attività è definitivamente terminata.

“Dieci…”
“Uuuhh!”
“Nove…”
“Uuuhh!”!
“Otto…”
“Uuuhh!”

E così via fino allo zero. Mi sono allontanata, lei mi ha inseguita, mi ha presa per il braccio e ha detto:

“Coa!” (Ancora).

“No, Ariel, PRIMA la mamma lava i piatti, DOPO gioca con Ariel.”

Apriti cielo! Una scenata madre degna della Magnani con gli acuti della Callas: si è buttata sull’erba, ululando, gridando, piangendo e tirandosi pugni in testa…
Visto che era in una situazione di sicurezza l’ho ignorata, ma sono rimasta vicino a lei per controllarla.

Sconsolata, mi sono guardata in giro: sabato scorso un violento nubifragio aveva danneggiato diversi alberi e il giardino era pieno di rami e rametti strappati e ho avuto un’idea!

Quando si è calmata un po’, le ho detto: “Se mi aiuti a raccogliere i rametti, poi andiamo sull’altalena.”

Mi ha guardata con sospetto, ci ha pensato su e alla fine ha mosso lentamente la testa su e giù: “È!”, ma si vedeva che stava ancora cercando di capire dove fosse la fregatura.

“Ariel, si dice SÌ.”

“Ì!”

Abbiamo iniziato a raccogliere rametti, rami e legnetti, io tenevo il tempo e lei raccoglieva. Ogni volta che si fermava, io bloccavo il conto alla rovescia e riprendevo solo quando lei ricominciava a raccogliere legnetti.

20190825_153910

Abbiamo alternato raccolta ed altalena per due ore e questo è il risultato del nostro lavoro.

20190825_161356

Ovviamente Ariel non era entusiasta, ma stare con la mamma in giardino con la promessa dell’altalena è un potente rinforzatore.

20190825_154053

Bene, appurato che questo connubio funziona, nei prossimi giorni la metterò a raccogliere pomodori nell’orto.

No, non è sfruttamento minorile, è la mia versione di ABA (*) applicato al giardinaggio.

E oggi il bicchiere… Pardon, la carriola è piena di legnetti raccolti da due femmine nervose sorvegliate da un cucciolo riccioluto.


P.S. per il Dott. Apollonio che mi legge in incognito: se per due giri sull’altalena tua figlia lavora come Stachanov in miniera, pensa cosa potrebbe fare per una piscina riscaldata e coperta in giardino.

P.P.S. per tutti gli altri: sì, sto sfruttando Ariel per farmi costruire la piscina in giardino, ma non ditelo a Luca.
… Ops…

20190825_154044

(*) striscia frase: striscia di cartoncino con velcro utilizzata nel sistema PECS e che Ariel utilizza per comunicare le sue richieste o rispondere ad alcune domande
(**) ABA: Applied Behavioral Analysis. In poche parole: è una scienza in cui i principi dell’analisi del comportamento vengono applicati sistematicamente per migliorare i comportamenti socialmente significativi. In Italia viene principalmente associata all’abitazione delle persone autistiche.
Senza categoria

Il sovraccarico

Se parli di autismo, fallo bene, usando le definizioni corrette e in maniera esaustiva.
Accennare ai vari funzionamenti, non è sufficiente per far capire le difficoltà di una persona autistica e della sua famiglia.
Tra le altre cose, sarebbe importante spiegare bene cos’è un sovraccarico sensoriale e come distinguerlo da un capriccio.

Altrimenti poi c’è chi si ritrova in alta quota con la figlia in pieno meltdown e deve sopportare due gentildonne quarantenni che in tono sprezzante pontificano: “Se fosse mia figlia le tirerei un ceffone, così avrebbe davvero un motivo per cui piangere.”

Non è colpa loro, ma della loro ignoranza.

Caro Piero, questa volta mi hai delusa. Era un’occasione preziosa per fare informazione su larga scala ed invece…

Per chi volesse approfondire l’argomento, consiglio questo articolo di Tiziana Naimo.

https://aspironia.home.blog/2019/04/29/cosa-e-un-meltdown/amp/

 

esplosione-nucleare

Senza categoria

L’autismo come percorso di vita

Martedì sono salita con Baloo al Santuario di S. Croce seguendo la Strada del Pellegrino.


I tre Apollonio erano al parco giochi sottostante, quindi ero serena e concentrata sul sentiero.
Camminando ho raccolto le idee sul futuro di Ariel, sul quaderno della C.A.A. che devo assolutamente sistemare nei prossimi giorni, ai materiali da preparare per “giocare” con lei.
Sono salita nel bosco, tra rocce e fango, aghi di pino e pozze d’acqua, metaforicamente la fatica del vivere quotidiano con una persona autistica. Anche le nostre vacanze sono state organizzate in base alle esigenze di Ariel: avrei tanto voluto andare in hotel, almeno una volta, riposare e non dover pensare ai pasti e a pulire; invece abbiamo nuovamente optato per l’appartamento in modo tale da rispettare i suoi ritmi e, considerata la sua selettività alimentare, fare in modo che lei mangi ciò che più le aggrada.
Ho pensato a lungo a chi da giorni sta camminando lumgo il Sentiero Celeste nel nome dell’autismo.
Valentino Gregoris, Silvia Candian, Francesca Franzi e Daniele Deotto oggi arriveranno sul Sacro Monte di Lussari chiudendo il loro #autismopercorsodivita.
Buon arrivo, ragazzi.
Siamo con voi. 💙

Lussari_01

Senza categoria

Pranzo al sacco

Mentre preparo i panini per il pranzo al sacco, penso agli ultimi giorni, a diverse cose lette su Facebook che hanno riconfermato la mia opinione su alcune questioni.

Non mi piace la definizione “bambini speciali”: tutti i bambini sono speciali indipendentemente dalle loro esigenze di crescita e accudimento.

Odio la locuzione “mamma coraggio”. Caratterialmente sono determinata e cerco di affrontare con coraggio ogni situazione più o meno difficile che la vita mi mette davanti, indipendentemente dalla condizione di mia figlia. Per quanto concerne il mio ruolo genitoriale, faccio tutto ciò che farebbe ognuno di voi al mio posto: crescere due figli in maniera equilibrata, amandoli ed educandoli al rispetto degli altri, a riconoscere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, a trovare il loro scopo nella vita. Ovviamente compatibilmente con le loro caratteristiche individuali. Poco importa che una dei due avrà sempre bisogno della mia mediazione: lei è una PERSONA e va aiutata a sviluppare le proprie potenzialità indipendentemente dal suo funzionamento.

In questi giorni ho avuto a che fare con una signora che ama autoproclamarsi “mamma coraggio” e ho capito che è talmente concentrata su stessa e compresa nel suo ruolo di madre di un bambino diversamente abile, da aver perso di vista la cosa più importante: suo figlio.

E questo è imperdonabile. Non aggiungo altro, perché non compete a me giudicare questa persona, ma mi permetto di darvi un consiglio: diffidate da chi si crogiola nella disabilità dei figli dimenticando che sono bambini con un futuro davanti e che vanno aiutati a crescere secondo etica e moralità. Sempre e comunque.

Basta con il pistolotto.

Ora finisco di preparare i panini, perché anche in vacanza il pranzo è un momento importante per la famiglia, indipendentemente dalle caratteristiche personali dei singoli membri.

E oggi il bicchiere… Ops, lo zaino è pieno di panini allo speck per pranzare vicino ad un lago gelato in cui si specchiano le montagne dove tutti, neurotipici e neurodiversi, siamo solo formiche di fronte alla maestosità della natura.

20190804_14300820190805_122012

Senza categoria

Lunis a Palme

Il lunedì è giorno di mercato a Palmanova.

Sorseggiando il solito cappuccino al solito tavolino del solito bar, mi soffermo ad osservare l’umanità che  sfila: signori anziani con gli occhiali da sole a specchio e camice a maniche corte, nonne abbronzate che tengono i nipotini per mano, la presa salda di chi teme che il mondo posso loro sfuggire in pochi secondi; due turisti di mezza età si siedono sui tavolini all’aperto, poggiano la macchina fotografica sul ripiano marmoreo e ordinano due caffè lisci. Sono rilassati, si guardano in giro e commentano gesticolando complici, le mani che si sfiorano di tanto in tanto.

Alla radio Battisti canta “senza teeee, io senza teeeee, solo camminerò…”

Una quasi mamma entra, la pancia pesante, il vestitino leggero, la serenità che solo le donne incinte riescono a trasmettere al mondo. Ordina un thè freddo, una mano sul ventre gonfio di amore, l’altra a sostenere la schiena.

Un cane alto due puffi o poco più ringhia ad un colosso nero che lo fissa infastidito, mentre i padroni tirano i guinzagli e alzano gli occhi al cielo.

Sono sola dopo tanto tempo e mi sto godendo questa mezza giornata gialla e cobalto, densa di colori e profumi.

Ho finito il mio cappuccino, pago e saluto la barista. Mentre mi dirigo verso il centro della piazza, ripenso a quando ero piccola e venivo al mercato con la mamma o quando da adolescente vi arrivavo in bicicletta insieme alle amiche di sempre: sudata, l’orlo larghissimo dei pantaloni tenuto fermo dalle mollette rubate allo stendino della mamma e 5.000 lire nel portafoglio e un gettone in tasca “perché non si sa mai quello che può succedere”.

Allora tutto era possibile e il futuro era lontano, inconsistente come i sogni, sfuggente come i desideri.

Ora che il futuro è passato, cerco di trattenerlo per avere ancora la possibilità di esprimere un desiderio, di vedere realizzato un sogno, ma lui si divincola e io sublimo la stanchezza guardando magliette colorate mosse da una illusoria folata di vento, mentre il tempo si espande e dilata in una lunga mattinata d’estate.